Pastellone

…e allora si scialbino con latte di calce affinché possano ricevere la sgrossatura di mattone triturato; infatti per la secchezza che deriva dalla cottura in fornace, non potrebbero sostenerla, se non intervenisse la calce interposta a provocare la presa. Tirata la sgrossatura, invece dell’arenato si spalmi il cocciopisto, e il resto come è detto sopra…  
 Marco Vitruvio Pollione

abitazioneIl Pastellone è un pavimento a superficie continua di origini antichissime realizzato su un massetto caldo in cocciopesto. Caratteristico degli edifici Veneziani rinascimentali, il pavimento in Pastellone è uno tra i più antichi pavimenti usati in architettura e le sue radici affondano nella scuola romana prima e secoli più tardi, grazie all’espansione commerciale ed edilizia a Venezia.
Lo sviluppo è tale che a partire dal 1400 insieme al Battuto in Cocciopesto è il tipo di pavimento più usato a Venezia e nelle case signorili del Veneto e di altre città d’Italia.
Il grande impatto estetico ed il valore artistico hanno da sempre legato questo tipo di pavimentazione a concetti di raffinatezza, regalità ed imponenza.
La tecnica e i materiali impiegati erano molto semplici: un impasto di ghiaia, mattoni frantumati e scarti di lavorazione, legato con calce spenta veniva steso, battuto e rullato.
Il Pastellone, steso su di un fondo in cocciopesto, è un impasto di polveri di marmo, calce aerea, pozzolana e terre naturali, viene tirato a spatola in piu’ passate.
Con questa tecnica definita “a fresco” la pasta affiorante dopo la rullatura veniva stesa a cazzuola fino ad ottenere una superficie liscia.
ufficioIl trattamento spatolaturaprotettivo finale e la lucidatura a feltro con olio di lino e cere naturali gli dona un aspetto che ricorda quello degli antichi pavimenti veneziani.
Grazie all’utilizzo di prodotti naturali e alla marcata artigianalità della tecnica realizzativa di questi pavimenti, rende ogni manufatto sempre unico ed irripetibile, impossibile da emulare, come delle opere d’arte.
La capacità del cocciopesto di accumulare calore e rilasciarlo lentamente fa’ di questo pavimento il compromesso ideale fra ecocompatibilità e risparmio energetico.
I Vantaggi principali di questo tipo di pavimentazioni sono l’accumulo del calore e il suo rilascio graduale nell’ambiente, l’eco-compatibilità, la resistenza agli urti, la facile manutenzione e il basso contenuto di umidità.

Le caratteristiche che contraddistinguono questo tipo di pavimentazioni sono:
Conducibilità termica:  W / (mK) 1.50
Coefficiente di permeabilità al vapore acqueo: 9.5 u
Resistenza a compressione: 4.7 N / mm ²
Massa volumica: 1770 kg / m³
Calore specifico: 801.3 J Kg K –² ¹
Inerzia termica (effusività): 1462 J kg –² ½ m K -¹

campione (3) campione (2) campione (1)


 < Torna indietro